La coscienza di Zeno

Amore-e-Psiche-Antonio-Canova-17881793-a22875934

[author] [author_image timthumb=’on’]http://lnx.lacosapsy.com/wp-content/uploads/2012/01/Luciano-2.jpg[/author_image] [author_info]a cura di Luciano Rossi – Ho fatto quattro mestieri nella vita, gli stessi di Robert Musil. Un tempo fui ingegnere (dal 1965 al 1992) e docente di Metodologia delle Scienze umane (dal 1977 al 2007), prima a Parma e poi a Urbino. Oggi sono solo psicoterapeuta, scrittore e poeta. Vivo e lavoro a Parma. Sei i libri finora pubblicati: quattro saggi filosofici per l’adozione universitaria e due romanzi. Inoltre altri libri a più mani e racconti, poesie. Pubblicazioni principali: Metodologia della scienze umane, 1979 – Artifex, artifex sui, 1989 – Negazioni, 1992 – Psicodialettica, 1999 – Parole che curano, 1999 – Il silenzio e la parola. 2001 – Un coup de dés, 2004 – Il partigiano azzurro, 2007 – La scala di Shepard, 2007 – Il vento e la legge, 2008 – In attesa di pubblicazione: Cinque racconti e la raccolta poetica: La stanza del miele – In corso di scrittura un romanzo: Quel fragile fiume d’amore e un poema epico: Le notti e i giorni. Scritti su di me: Giuseppe Massari, Luciano Rossi. La nascita di un narratore, Aurea Parma, 2009. Principale contributo filosofico: uno studio, pubblicato in due volumi (Negazioni e Psicodialettica) di cui il primo esaurito, sulla evoluzione dialettica della coscienza i cui principali referenti vanno ricercati in G. W. F. Hegel, Paul Ricoeur, Carl G. Jung. luciano.rossi6@gmail.com  [/author_info] [/author]

Il discorso di Psyche

Dei tanti occhi per guardare Psyche, dei tanti linguaggi per parlar di Lei, dei tanti aspetti che fino ad oggi ha assunto, questa stanza vuol ospitare testimonianze brevi, piccoli frammenti, feriali o importanti citazioni. Stralci di narrativa, strofe di poesia, forme miste a immagini. In essi il concetto non figura, non è mai nominato, ma sempre sotto inteso; al suo posto l’evento, l’oggetto. Senza spiegare le corrispondenze. Un prodotto senza l’intenzione. Il corrispondente viene solo intuito. E diversamente da ciascuno. (continua…)

 

Frammenti

 La Natura è un tempio ove pilastri viventi, / lasciano sfuggire a tratti confuse parole; / l’uomo vi attraversa foreste di simboli, / che l’osservano con sguardi familiari. / Come lunghi echi che da lungi si confondono / in una tenebrosa e profonda unità, / vasta come la notte e il chiarore del giorno, / i profumi, i colori e i suoni si rispondono. (Baudelaire, Corrispondenze, 1861, Trad. A Bertolucci) (continua…)

 


LA POSTA

DEL

CULTORE DI QUESTA PAGINA